IT | EN | DE
logo
Back to top
2019 Milan Furniture Fair

SALONE 2019: NOVITA’ IN BHC MILANO

Via Maestri Campionesi, 20 - Milano

Il salone del mobile 2019 è ormai ai blocchi di partenza ed anche BHC Milano ha terminato gli ultimi ritocchi, con tante importanti novità e due ingressi eccellenti

Cedit ha una storia decennale, iniziata ancor prima della creazione del marchio nel ’56. Mani capaci dei vecchi artigiani ed un approccio fresco, alla CEDIT si può riconoscere l’esercizio di una sensibilità e di una lungimiranza che si sono consolidate nel tempo anche grazie a intuizioni uniche nel settore della ceramica. Prima fra tutte l’ideazione del premio “Piastrella d’Oro” in collaborazione con l’ Associazione per il Disegno Industriale – che, dal 1956 al 1966, raccoglie e seleziona il miglior design italiano del settore ceramico in produzione. Cedit ha sempre dimostrato una forte capacità di comprendere e anticipare le tendenze del mercato. Già alla fine degli anni ’60, precorritrice dei tempi, è stata la prima azienda attiva nel campo della produzione di piastrelle di rivestimento a farsi interprete della “moda dell’anno”, suggerendo soluzioni funzionali e decorative per la casa  firmate da autori del calibro di Enzo Mari, EttoreSottsass, Bob Noorda, Michele Provinciali, Joshitaka Sakuma, Bruno Binosi, CarmenGrusova–Rihova, Gilio Confalonieri, Franca Helg & Antonio Piva, Ferruccio Bocca, Sergio Asti e Marco Zanuso. Nasce così la “Collezione 68”, che rappresenta un unicum nella storia della ceramica e avvia un vettore di cambiamento epocale nel settore. Ancora oggi prosegue sulla fortunata strada delle “collaborazioni d’autore”: Franco Guerzoni, Giorgio Griffa, BRH+Barbara Brondi & Marco Rainò, Archea Associati-Marco Casamonti, Zaven-Enrica Cavarzan e Marco Zavagno, Matteo Nunziati. In show room la scelta, difficile tra tante eccellenze, è caduta su Storie e Cromatica.  Cromatica è il frutto dello sforzo di dominare il colore del team Formafantasma: impresa ardua ma palesemente riuscita. Storie è scritto a quattro mani dai product designers Zanellato e Zavagno, ispirati al lavoro di lenta e affascinante dissolvenza nel tempo degli intonaci e delle decorazioni murarie nell’architettura tradizionale italiana. Ad entrambi dedicheremo un articolo monografico, meritando entrambe un approfondimento

Da sempre, BHC è sinonimo di ricerca e proposta. In occasione del Salone 2019, siamo quindi felici di accogliere Granorte. Fondata da una famiglia portoghese nel 1972, nata per riciclare gli scarti di lavorazione dell’industria manufatturiera dei tappi. Fin dall’inizio dedita alla ricerca e allo sviluppo del prodotto, ai processi di produzione innovativi e di eccellenza tecnica, Granorte è oggi leader in pavimentazione di sughero ricchi di fascino ed emozionanti. Con un nobile e green retro della medaglia: l’ecosostenibilità è un dovere imprescindibile. Coniugare la ricca lentezza produttiva della natura, la tradizionale lavorazione rispettosa ed educata della quercia da sughero e l’approccio rivoluzionario e creativo per un mercato esigente, non era un goal facile da mettere a segno. Ma Granorte c’è riuscita. Materia, colore e tecnologia produttiva ci consegnano un prodotto antico e nuovo al tempo stesso cui, pure, dedicheremo uno spazio sul nostro magazine

Anche per Mutina, questo Salone 2019 cia ha dato l’occasione di terminare un significativo restyling. Accanto agli evergreen come Dechirer, all‘iconico Pico  e alle numerose collezioni dell’azienda sassuolese, arrivano in casa BHC le ultime nate : Primavera e Lane di Barber & Osgerby, Celosia della Urquiola e Diarama di Hella Jongerius, la cui prepararazione e produzione è costata quasi un anno di lavoro dalla preview allo scorso salone 2018.

Ma le novità non sono ancora terminate!

Vi aspettiamo nel nostro store di Via Maestri Campionesi, 20  a Milano!